Skip to content

Alcune domande sull’operazione contro Osama bin Laden

5 maggio 2011

05.05.2011 (da www.amnesty.it)

Amnesty International ha chiesto alle autorità statunitensi e pakistane di fare chiarezza su alcuni  aspetti dell’operazione di Abbottabad nella quale Osama bin Laden è stato ucciso.
In particolare, l’organizzazione per i diritti umani ha chiesto informazioni sullo status e sul luogo in cui si trovano coloro che erano con bin Laden e sulle circostanze della sua uccisione.657575-logo-amnesty-international

Vogliamo informazioni dalle autorità statunitensi e  pakistane su quante persone erano nel complesso al  momento dell’operazione, cosa è accaduto loro e nello  specifico qual è lo status dei sopravvissuti e dove si  trovano” – ha dichiarato Claudio Cordone di Amnesty  International. 
Secondo i resoconti attribuiti a funzionari dell’intelligence pakistana, 18 persone erano nel complesso con bin Laden al momento dell’attacco statunitense.
Funzionari degli Usa hanno riferito che cinque persone sono state uccise e due donne ferite – una delle quali è stata identificata come moglie di bin Laden – e che al termine dell’operazione queste sono state lasciate nel complesso insieme ad almeno sei bambini.

Il 3 maggio, il direttore della Cia Leon Panetta ha detto che le forze statunitensi avevano la piena autorizzazione di uccidere Osama bin Laden ma che, se si fosse arreso, avrebbero potuto catturarlo.
La Casa Bianca ha riferito che Osama bin Laden era disarmato ma ha opposto resistenza alla cattura.

Visto che non era armato, non è chiaro come abbia opposto resistenza all’arresto e se sia stato fatto un tentativo di catturarlo piuttosto che ucciderlo” – ha dichiarato Cordone. “Secondo Amnesty International, le forze statunitensi avrebbero dovuto tentare di prendere Osama bin Laden vivo, al fine di condurlo dinanzi a un tribunale, se era disarmato e se non rappresentava una minaccia immediata”.

Osama bin Laden ha rivendicato la responsabilità di atti di terrorismo equivalenti a crimini contro l’umanità e ha ispirato altri a commetterne. I responsabili di questi atti devono essere portati dinanzi alla giustizia secondo modalità in linea col diritto internazionale.

***

Come possiamo distinguere i cattivi dai buoni?

Loro uccidono in nome dei loro ideali… noi in nome delle democrazia e della sicurezza nazionale… (in Libia, in Iraq, in Afghanistan, in Pakistan, etc.)

Che cosa ci rende migliori di loro?

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: